loading
05
Feb

Modello OT24 e modello 0T20: come chiedere la riduzione del tasso Inail

Si avvicina la scadenza per la presentazione del Modello OT24 per le aziende che, nel corso del 2017, hanno effettuato interventi volti a migliorare la sicurezza ed igiene nei luoghi di lavoro.

____________

Entro il 28 febbraio 2018, le aziende che nel corso del 2017 hanno attivato interventi per il miglioramento della sicurezza ed igiene nei luoghi di lavoro, potranno richiedere la riduzione del premio Inail attraverso il modello OT24 ai sensi dell’art. 24 del D.M. 12.12.2000 e s.m.i.

Per poter presentare il modello OT24, le aziende dovranno aver effettuato interventi migliorativi nel 2017 sia riguardanti l’azienda nel suo complesso, sia a livello strettamente settoriale che abbiamo in qualche modo migliorato le condizioni della sicurezza e della responsabilità sociale all’interno dell’azienda.

Per poter presentare il Modello OT24 all’Inail ed accedere così alle agevolazioni, le aziende dovranno essere attive da almeno due anni e dovranno rispettare anche altri requisiti fondamentali, ossia il regolare pagamento dei contributi e il rispetto delle disposizioni minime in materia di salute e sicurezza sul lavoro, stabilite dal D. Lgs. 81/2008.

La riduzione del tasso medio di tariffa Inail viene determinata a livello percentuale, in relazione al numero di lavoratori/anno, calcolati per singola voce di tariffa e secondo un determinato schema che prevede una diminuzione percentuale che va da un massimo del 28% (aziende con 10 lavoratori) ad un minimo del 5% (aziende con più di 200 lavoratori).

Ciascuna delle voci inserite all’interno dell’OT24, ha uno specifico punteggio e l’azienda, per poter usufruire della riduzione del tasso Inail, dovrà avere effettuato interventi tali che la somma dei loro punteggi sia pari almeno a 100.

La domanda di riduzione del tasso Inail, per essere valida, dovrà avere allegata la documentazione ritenuta probante (relazione descrittiva dell’intervento attuato, fatture di acquisto ed installazione, verbali di assemblee/riunioni, dichiarazione del datore di Lavoro relativo alla non obbligatorietà degli interventi migliorativi attuati, etc.), pena la nullità della richiesta.

Accedendo al sito dell’Inail ( www.inail.it) è possibile scaricare il Modello OT24 del 2018. La domanda di riduzione dovrà essere presentata esclusivamente in modalità telematica attraverso l’apposita sezione Servizi Online presente sul sito dell’Inail, entro il 28 febbraio 2018.

Anche per le aziende operanti nel primo biennio di attività, l’Inail prevede la riduzione del tasso medio di tariffa mediante la compilazione ed invio all’Inauil del Modulo OT 20 e relativi allegati ai sensi dell’art. 20 del D.M. 12.12.2000 e s.m.i.  Questo modello consiste in una autodichiarazione dell’azienda circa il rispetto delle disposizioni in materia di prevenzione infortuni e di igiene del lavoro e la riduzione del tasso Inail per le aziende che fanno domanda è fissata al 15%, indipendentemente dalla grandezza e tipologia dell’azienda. La domanda, per essere valida, deve essere presentata prima della scadenza del secondo anno di attività e, così come per le aziende che presentano il modello OT24, queste aziende, per poter ottenere la riduzione, devono rispettare i requisiti relativi al regolare pagamento dei contributi e al rispetto delle norme in materia di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro. Il modello OT20, così come il modello OT24, è scaricabile dal sito dell’Inail e deve essere obbligatoriamente trasmesso in via telematica attraverso il sito dell’Inail.

Attraverso queste misure l’Inail incentiva la prevenzione nei luoghi di lavoro e conferma il fatto che che la sicurezza sul lavoro sia un obbligo imprescindibile per le aziende e non solamente una “spesa” accessoria, come spesso viene considerata. E’ fondamentale infatti che le aziende rispettino la normativa vigente– in ogni caso obbligatoria- ma altrettanto importante è investire in azioni di miglioramento che possano rappresentare a tutti gli effetti un investimento che viene ripagato – e di conseguenza un’opportunità – non solo in termini di riduzione degli infortuni e miglioramento delle condizioni lavorative, ma anche da un punto di vista economico, rendendo quindi più facile l’osservanza delle norme.

Ing. Mauro Ardizzone
Titolare Studio Ardizzone – Sicurezza sul Lavoro

Fonte: bergamonews.it

2015 Studio Ardizzone, P.IVA 03501670164 – C.F. RDZMRA73H01A794W. Tutti i diritti riservati.